Roma, 2 marzo  2007

 

  

                                                                                                     Alle segreterie regionali,                                                                                                                                                               territoriali e di area metropolitana

 

  Oggetto. Decreto mille proroghe                                                                                                            

            Care compagne, cari compagni

            Lo scorso 26 febbraio  stato approvata in via definitiva dalla Camera dei deputati la conversione del decreto legge "milleproroghe" (Legge 17/2007).

            Le novitÓ salienti di questo provvedimento riguardano:

           Al comma 8-sexies dell'art. 6, l'annullamento del blocco delle assunzioni, a qualunque titolo, previsto dal comma 561 della legge Finanziaria 2007 nei confronti dei Comuni e delle Province che non abbiano rispettato il patto di stabilitÓ nel 2006.

           La precisazione che le spese relative alla gestione delle istituzioni, comprese quelle del personale (cui all'art 114, comma 2 del dlgs 267/2000) non sono computabili ai fini del patto di stabilitÓ. Tale disposizione, che conferma l'impostazione data dalla nostra categoria riguardo questa problematica, pone fine ad una lunga controversia interpretativa causata dalle pronunce d'alcune sezioni regionali della Corte dei Conti che negavano tale esclusione dai bilanci degli Enti. 

           Inoltre, verranno sbloccate le assunzioni dei disabili, del personale in mobilitÓ e delle progressioni verticali .

            E' inutile rilevare, al riguardo, l'importanza politica di tale provvedimento per quanto riguarda la stabilizzazione del precariato negli enti fuori del patto di stabilitÓ che, con questa  nuova norma saranno fortemente agevolati rispetto alla situazione precedente. Per non parlare degli effetti positivi che si potranno avere, a seguito di questo definitivo chiarimento riguardo all'esclusione del costo dell'istituzione dai bilanci degli enti, nell'azione di contrasto alle scelte di privatizzazione e per la  salvaguardia dei diritti e delle tutele dei lavoratori interessati.

             Fraterni saluti.

 

             p. Dipartimento Welafare-Diritti,Lavoro                                           p. Comparto Regioni -Autonomie Locali
                     Gian Guido Santucci                                                                             Ugo Gallo